copertina  pilates

Un   modo  di  allenarsi

Il Pilates è uno dei metodi di allenamento più apprezzati nelle palestre. Il metodo è probabilmente da attribuire alla sua capacità di rafforzare il corpo ed allo stesso tempo correggere la postura, con un rischio pressoché nullo.

Questo sistema di allenamento, sviluppato all’inizio del ‘900 da Joseph Pilates, è una sorta  di fusione tra le discipline fisiche occidentali e le più antiche tecniche orientali. La filosofia alla base del metodo si poggia su alcuni principi, concepiti dal suo ideatore.

I suoi punti cardini sono :

la concentrazione nell’ esecuzione degli esercizi;

il controllo sui movimenti di ogni parte del corpo;

la fluidità nell’esecuzione;

la precisione;

la respirazione sempre ben controllata;il baricentro, ovvero l’area compresa tra il dorso ed il bacino.

Questo sistema di allenamento è utilizzato soprattutto per migliorare la postura. Le sessioni prevedono pochi esercizi, eseguiti con calma e grande precisione: Gli esercizi possono essere svolti a corpo libero oppure con l’aiuto di macchinari specifici. Come :

UNIVERSAL  REFORMER

Una base simile allo scheletro di un letto con all’interno un carrello collegato all’estremità della brandina con una serie di molle con diversa tensione. E’ un attrezzo molto versatile.

REHABILITATION  TABLE

Ha l’aspetto di un letto a baldacchino, con diverse molle applicate che possono porre una resistenza variabile in relazione al lavoro muscolare che si vuole fare.

Molti scelgono il Pilates perché si offrono di mal di schiena o dolori cervicali. Ma il Pilates è utile anche come allenamento complementare in molti sport. Può inoltre essere d’aiuto nei bambini che spesso hanno difetti di postura,. Infine è particolarmente adatto agli anziani perché è una tecnica sicura, con rischio pressoché nullo d’infortuni.

o Commenti

2

o Commenti

1

o Commenti

le V I N en R O S E

Narra Dionigi di Alicarnasso che Romolo aveva concesso agli uomini di uccidere la moglie in due circostanze : adulterio ed ubriachezza. Oggi che purtroppo siamo ancora piagati dal femminicidio, almeno il piacere alcoolico non viene considerato una colpa.

Abbiamo, da poco, superato il periodo dei giorni di fine vendemmia. Un periodo che i cambiamenti climatici hanno reso sempre più dilatato, dalla raccolta agostana delle varietà precoci e di quelle destinate a far da base per gli spumanti, fino ai vitigni tardivi ed alla scia zuccherina delle uve lasciate appassire in pianta. Mai come quest’anno le donne segnano il destino del vino in vigna ed in cantina, tra agronome e cantiniere, enologhe e raccoglitrici, commercianti e sommelier, semplici, appassionate e superproduttrici. Un mondo sempre più declinato al femminile.

In Gran Bretagna i millennials maschi e femmine assumono vino in pari quantità. Dato rivoluzionario se è vero che un secolo fa gli uomini bevevano esattamente il doppio delle loro coetanee. La metà delle bevitrici statunitensi, ormai, considerano il vino la loro bevanda d’elezione, mentre gli uomini sono fermi al quarantasei per cento, anteponendo al vino sia la birra che i superalcolici.

“Le vin en rose” ha risvolti sociali imprevisti e potenti.

Trent’anni fa Maida Mercuri la più giovane sommelier donna italiana, veniva boicottata dai colleghi milanesi, mentre la friulana Rosa Bosco litigava con i contadini che si rifiutavano di fare la vendemmia verde, cioè dimezzare il numero di grappoli in pianta per migliorare la qualità delle uve..

Il passo successivo è stato ammettere le donne nelle aziende vinicole. Oggi un vignaiolo su tre è donna, mentre le sommelier hanno superato la quota del quaranta per cento. In quanti ai consumi, oggi il quarantuno per cento di chi beve vino in Italia è donna.

Poi ci sono le produttrici:Donne che sanno fare impresa con il filtro essenziale del rispetto verso la terra ed il futuro dei propri figli: Sensibilità che si traduce in moltissimi casi nella scelta di produzioni naturali.

E per finire leggiamo un sondaggio che svela che una donna appassionata di vino, competente, curiosa viene percepita come sexy ed affascinante dal novantuno per cento degli enonauti maschi.

 

 

 

 

 

 

o Commenti

pasqua 2

o Commenti