pasqua 2

o Commenti

RIGORE e NOTE CALDE

vvd copertina 2

Passaporto belga ma sangue latino . Vincent Van Duysen, l’architetto designer che con il suo mix di rigore minimalista nord europeo e note calde del sud conquista tutti, dai privati alle a ziende di arredamento. Una fra tutte : Molteni GC che lo ha eletto direttore creativo dei brand Molteni GC e Dada.

VincentVan Duysen ama le atmosfere essenziali ma al tempo stesso sensuali ed accoglienti. Due i recenti gran debutti di Vincent : uno ai fornelli con VVD, una chiara citazione alle sue iniziali (la prima cucina disegnata dal designer e prodotta da Dada). Il secondo nella nautica facendo sentirsi a casa ovunque grazie agli arredi che ci fanno stare bene.  Per lui, infatti, l’abitazione è come una comfort zone. Ambienti avvolgenti, calorosi ed intimi, che Van Duysen ha saputo ricreare nel rinnovato head quarter di Molteni GC. Il sodalizio tra Van Duysen e Molteni nasce da un lavoro in Arabia Saudita.

Ci sarebbe da chiacchierare per ore con Van Duysen ma lui è al lavoro per il salone del mobile : “Presenteremo un ulteriore sviluppo del concept casa di Molteni GC ed un’importante estensione della cabina armadio Gliss Master per la zona notte. Stiamo anche lavorando su nuovi elementi per le luci Infra-structure di Flos, alla collezione outdoor di Paola Lenti e per il marchio When objects work.”

o Commenti

S T R E G A T I

0 copertina stregati

La giovane Emma è in fila dalla cinque del mattino. Paolo e Francesca, una coppia di mezza età, sventolano fieri la prenotazione conquistata all’alba. Marco quarantenne, si è accreditato dalla sera prima. Tutti in fila per accaparrarsi un biglietto.

Non siamo, però, ad un concert rock ma davanti al botteghino del Teatro dell’Opera di Roma. Stessa scena al Massimo di Palermo, alla scala di Milano o al Petruzzelli di Bari. L’Italia più trasversale, per intenderci quella dei “ragazzi” dai 20 ai 90 anni, ha riscoperto la passione per la musica classica e per l’opera.

E per chi non ha una sala da concerto in città l’alternativa è un cd o meglio ancora un vinile.

Ed ecco le tante storie che, in giro per l’Italia, raccontano di un pubblico stregato dalla musica classica.

 1 palermo

 

Lo scorso anno il Massimo di Palermo ha registrato un più 12% di incassi al botteghino ed un incremento nella vendita dei biglietti del 25 %. A cosa si deve questo improvviso richiamo di Mozart o Beethoven? Parte del merito spetta alle iniziative legate al rapporto con la città : l’Operacamion per esempio.

 2 bari

 

Ottimi risultati anche al Petruzzelli di Bari : crescita del 112% sugli abbonamenti di stagione lirica e balletto. Mentre per la vendita dei biglietti l’incremento è del 30 %. Tutto questo grazie alla “Giornata teatri aperti” che ha permesso di conoscere il dietro le quinte del Petruzzelli con visite guidate e gratuite e non ultime la riduzione dei biglietti e le iniziative per bambini.

 3 scala mi

 

Alla scala di Milano il boom nel 2015 è stato da capogiro, quasi 446mila presenze contro le 332mila del 2013. Ha sicuramente pesato il traino dell’Expo ma anche una serie d’iniziative come la “ScalAperta” che diminuisce della metà esatta il prezzo del biglietto.

 4 roma opera

 

Risultati entusiasmanti anche a Roma, dove all’Opera l’incasso per il 2016 è di 11milioni e 770 mila euro contro i 7 milioni e 300mila del 2014. A Santa Cecilia le presenze in sala negli ultimi tre anni sono state  in costante ascesa.

 5 lirico cagliari

 

Ed è quasi incredibile il risultato del teatro lirico di Cagliari : più 60% di abbonati tanto che il nuovo sovrintendente ( Claudio Orazi ) ha commentato : “Sarà un vero inno alla gioia”. Cosa è successo in Sardegna? Un programma molto più esteso ma anche prezzi per tutte le tasche.

fine articolo

o Commenti

La NUOVA T U T A

 tuta copertina

Finora nessun marchio ha potuto rilasciare il classico comunicato stampa su cosa ha indossato la signora Trump. La nuova first lady sceglie da sola i suoi vestiti nel department  Bergdorf Goodmann sulla Quinta Avenue, da dove proviene anche la tuta bianca firmata Ralph Lauren indossata alla prima uscita dopo l’elezione. Aver scelto una delle firme americane più rassicuranti ha significato soprattutto rimarcare l’appartenenza al mondo wasp. Inoltre la tuta indossata da Melania non faceva vedere le forme e questo ha rappresentato un gesto di buona volontà. Il risultato?  Molto chic ma nonostante la sua fisicità era un po’ infagottata.

Quella tuta in seta da 4000 dollari ha fatto,però, centro. Il giorno dopo è andata a ruba sui siti di e-commerce ed aggiunto un nuovo capitolo alle tante trasformazioni della tuta.

Da quando il fiorentino Thayat la inventò nel 1919 come simbolo anti borghese, ispirandosi ad una t, è stata rivisitata in tante maniere. Negli anni ’70 fu lanciata con lo scollo a lancia sulla schiena. E’ stata riproposta ciclicamente da Dior e Gaultier. La sua estrema variante è quella in pelliccia di Fendi.

Ma la nuova tuta è ancora un passo in avanti. Armani l’ha mandata in passerella con una cappa in tulle applicata. La Isabelle Marrant  l’ha realizzata in seta rossa, H&M invece in total denim. Alberta Ferretti inversione pijama.

La tuta è un argomento che sarà molto forte nella prossima S/S 2017. Mentre per questo inverno l’ispirazione è più portata verso la classica tuta da operaio. Spesso portata con maglieria super fit che esalta la figura creando un forte contrasto oppure con pannelli di tessuto, effetto gonna plissettata, applicati al punto vita.

C’è un’altra first lady che ha dimostrato di amare la tuta e guardacaso bianca : Agnese Renzi, durante la visita in Giappone a seguito del marito, ha scelto una candida jumpsuit  Ermanno Scervino. Uno dei capi più belli indossati finora.

Pur non essendo un capo facile, la tuta dà continuità alla figura mentre i pantaloni a volte tendono a spezzarla.

o Commenti

Lucchese a Parigi

dilia copertina

Non tanto in Francia quanto a Parigi sono sempre più numerosi i giovani cuochi italiani che convincono sia la critica classica sia i più arditi cultori della bistronomia.

C’è un ragazzo lucchese di 26 anni, dall’aria ribelle e gagliarda che a Parigi è arrivato in punta di piedi.  Michele Farnesi lui e Dilia il suo ristorante. Un binomio che è bene tenere sott’occhio.

La cucina bistronomica nasce con menù fisso per limitare gli sprechi garantendo alta qualità di prodotti senza necessità di gonfiare i prezzi. Le radici italiane del gusto sembrano ancor più adatte di quelle francesi a garantire massime rese con spese minime.

Nel menù della Dilia accanto ai piatti senza confini ( l’anguilla affumicata con yuzu, Kumquat, fromage blanc, agrumi ed erbe amare ) Farnesi gioca con le regole in modo laico, fino a servire degli ottimi spaghetti con ricci, midollo e combawa ( un agrume con origine nel sud-est asiatico ).

Buono, economico, informale ed intelligentemente italiano. Bravo Michele e brava Italia a Parigi.

o Commenti